Comune di Seriate: Comune, Piazza A. Alebardi, 1 tel. 035 304.111 fax: 035 301.152 P.E.C: comune.seriate@pec.it P.IVA: 00384000162
Visualizza il testo con caratteri normali  Visualizza il testo con caratteri grandi  Visualizza il testo con contrasto elevato
motore di ricerca
23/08/2016

Verbali al Codice della strada
L'accertamento di una violazione al codice della strada attiva un procedimento sanzionatorio a carico del trasgressore. Questo procedimento, a seconda del tipo di norma violata, si sviluppa in fasi, termini e scadenze particolari previste appunto da quelle norme. Dopo l'accertamento della violazione, da parte del personale operativo, tutte la procedure successive vengono curate dall'ufficio verbali e contenzioso.
Il trasgressore o l'obbligato in solido della violazione (generalmente il proprietario del veicolo) possono chiedere tutte le informazioni riguardanti la violazione accertata, i motivi e gli elementi che hanno portato alla'accertamento, lo stato della procedura in quel momento, le modalità di pagamento o quelle di ricorso.
Le informazioni verranno rilasciate solo ai destinatari del verbale, dell'ingiunzione di pagamento o della cartella esattoriale (D.lgs 196/2003).
multe: pagamento ridotto entro 5 giorni

Contestazione e notificazione.
L'art. 200 del Codice della Strada prevede che un verbale di violazione amministrativa alle norme sulla circolazione stradale debba essere contestato immediatamente al trasgressore e ad eventuali obbligati in solido, quando questo sia possibile,.
Questo significa che l'agente che accerta la violazione deve rappresentare oralmente al trasgressore il comportamento da questo tenuto e che costituisce illecito, redigendo apposito verbale in cui riporta oltre alla descrizione del fatto, i dati anagrafici dello stesso trasgressore ed ogni altro elemento utile (modalità di pagamento, modalità di ricorso, eventuali dichiarazioni, ecc.) consegnandone allo stesso una copia. Il tutto se le condizioni oggettive lo consentono.
Qualora le condizioni oggettive per l'immediata contestazione non sussistano (ad esempio: accertamento tramite autovelox o telelaser, attraversamento con semaforo rosso, ecc.), il verbale deve essere notificato, cioè inviato all'indirizzo del trasgressore, se conosciuto, e dell'obbligato (proprietario del veicolo risultante dai pubblici registri) a mezzo posta o tramite messo comunale.
La notificazione deve avvenire entro i termini stabiliti dalla legge:
- 90 giorni per le violazioni commesse dai residenti in Italia;
- 360 giorni, per le violazioni commesse dai residenti all’estero.
La fase di notificazione si ritiene conclusa da parte della pubblica amministrazione nel momento in cui il verbale è stato consegnato al soggetto incaricato di recapitarlo al destinatario (ufficiale giudiziario, ufficio postale). Ciò significa, come precisato dalla Corte Costituzionale ed oggi anche dal Codice di Procedura Civile, che un verbale è regolarmente notificato qualora lo stesso sia stato consegnato ad un ufficio postale entro i suddetti termini
Il soggetto che riceve il verbale, per contestazione o per notificazione, oltre a poter effettuare il cosiddetto pagamento in misura ridotta, vale a dire versare la cifra indicata sull'atto pari al minimo previsto per quel tipo di violazione più eventuali spese procedurali e postali, se non si ritiene colpevole dell'infrazione può esercitare il suo diritto di difesa presentando un ricorso.
Il pagamento deve essere effettuato entro sessanta giorni dal ricevimento del verbale

Modalità di pagamento

Quanto?

1) Entro 5 giorni dalla contestazione o dalla alla notificazione del verbale è ammesso il pagamento nella misura ridotta del 30% rispetto al minimo edittale oltre le spese

2) Dal 6° al 60° giorno successivo alla contestazione o notificazione del verbale è ammesso il pagamento nella misura corrispondente al minimo edittale oltre le spese.

Sui verbali ci sono tutte le indicazioni ed i diversi importi.

Come?

- con il bollettino allegato al verbale sul c.c.p. n. 10618247;

- con carta Bancomat/carta di credito presso il Comando Polizia Locale della Città di Seriate negli orari di apertura;

- in contanti presso la tesoreria comunale, che è la Banca Popolare di Sondrio, via Piazza Caduti n. 7 - Succursale di Bergamo - Sportello tesoreria di Seriate.

In caso di mancato pagamento ed in assenza di ricorso, trascorsi i termini di pagamento in misura ridotta (60 giorni), il verbale diviene titolo esecutivo per un importo pari alla metà del massimo della sanzione prevista dal Codice della Strada per quella violazione, oltre alle spese di procedura. Ciò significa che entro 5 anni dalla data della commessa violazione la Pubblica Amministrazione provvederà ad emettere una cartella esattoriale e in caso di mancato pagamento procedere all'esecuzione coattiva se necessario, effettuare esecuzione coattiva (pignoramento dei beni).

 

Modalità di ricorso
Il ricorso può essere presentato, alternativamente:
- entro 60 giorni dalla contestazione o notificazione al Prefetto di Bergamo, via Tasso n. 8, 24121 Bergamo
- entro 30 giorni dalla contestazione o notificazione all'Ufficio del Giudice di Pace di Bergamo, via Borfuro 11/A, 24122 Bergamo

 

  • Ricorso al prefetto
    L'utente che sceglie il ricorso al Prefetto lo deve presentare, di persona o a mezzo raccomandata postale con avviso di ricevimento, all'ufficio del Prefetto o al Comando a cui appartiene l'agente accertatore. Con il ricorso possono essere presentati i documenti ritenuti idonei e può essere richiesta l'audizione personale.
    Il Prefetto, acquisita la documentazione originale prodotta dal Comando e le deduzioni tecniche utili ai fini della decisione del ricorso, emette ordinanza di accoglimento o di rigetto a seconda se accetta o meno la tesi difensiva del ricorrente. Il Prefetto deve emanare il suo atto decisivo entro il termine massimo di 210 giorni dalla data di ricevimento del ricorso. Decorso tale termine senza che sia stata adottata l'ordinanza da parte del Prefetto, il ricorso si ritiene accolto (silenzio-assenso). Se il ricorso viene rigettato, per cui viene emanata un'ordinanza ingiunzione, il Prefetto, a norma dell'art. 204 del Codice della Strada, deve obbligatoriamente raddoppiare l'importo della sanzione originaria (doppio del minimo edittale). Contro la decisione del Prefetto l'utente può rivolgere opposizione innanzi al Giudice di Pace entro 30 giorni dal ricevimento dell'ordinanza ingiunzione.
    Il ricorso è senza spese: vale a dire che tutti gli atti non sono assoggettati ad imposta di bollo ed il ricorrente non è obbligato a farsi rappresentare da un legale.
    Fac-simile modulo ricorso al Prefetto - scarica il file formato odt 24 KB.

  • Ricorso al Giudice di Pace
    L'utente che sceglie il ricorso al Giudice di Pace lo deve presentare, sempre di persona o a mezzo raccomandata postale con avviso di ricevimento, alla Cancelleria del Giudice di Pace. Il Giudice di Pace istruirà una causa citando in udienza il ricorrente ed il rappresentante del Comando che ha redatto il verbale. Se a conclusione del processo il Giudice riterrà valido il verbale, condannerà il ricorrente al pagamento della sanzione determinandone la misura entro il minimo e il massimo edittale previsto per quella infrazione. Contro la sentenza del Giudice di Pace, la parte risultata perdente potrà proporre appello al Tribunale Civile.
    Per il ricorso da presentare al Giudice di Pace, è previsto il versamento di un contributo alle spese di procedimento, rapportato alla entità della violazione per la quale si propone ricorso. Anche in questo caso il ricorrente può stare in giudizio senza l'ausilio di un difensore.
    Modello ricorso al Giudici di Pace e per il pagamento del contributo unificato - scarica il file formato pdf 800 KB.


Questo sito internet è valido html 4.01 strict, clicca per accedere al validatore html 4.01, il sito verrà aperto in una nuova finestra   Questo sito internet è valido CSS 2.0, clicca per accedere al validatore css, il sito verrà aperto in una nuova finestra   sito internet validato wcag wai a  Questo sito internet è multibrowser
Portale internet realizzato da Progetti di Impresa Srl - Copyright © 2018 :