Comunicati stampa del Sindaco - Comune di Seriate (BG)

Aree tematiche | Emergenza coronavirus | Comunicati stampa del Sindaco - Comune di Seriate (BG)

Lettera aperta sul trasporto scolastico

Cari cittadini,
tenuto conto delle recenti polemiche ritengo corretto fornirei alcune informazioni relative allo scuolabus per fare chiarezza ed evitare fraintendimenti.
L’amministrazione comunale, nel corso degli anni, ha rimodulato il servizio di trasporto scolastico per ridurne gli elevati costi: da tre linee si è passati a due, sono poi stati ridotti i viaggi di andata e ritorno e infine è stato soppresso il servizio all’infanzia (su alcune tratte i pulmini giravano con soli 2/3 bambini oltre al conducente e all’assistente).
Nel documento che allego si trovano le informazioni sui costi e gli utenti del servizio e di seguito mi limito ad alcune considerazioni:
- negli ultimi sei anni, a fronte di costi di € 832.000 per il trasporto si sono avute entrate di € 111.800 con un disavanzo a carico del bilancio comunale (e quindi di tutti i cittadini) di € 720.000= con una perdita media annua di € 120.000;
- attualmente sono iscritti 32 utenti (13 di Cassinone, 18 di Comonte e 1 extra frazioni) e l’entrata è di € 9.300: la tariffa media è di € 290= a fronte di un costo a utente di € 2.850=;
- il numero degli iscritti è in costante calo e considerato l’andamento demografico in decrescita il calo continuerà nei prossimi anni;
- il costo per ogni linea è di oltre € 45.000 annui e non è possibile averne solo una a servizio di tutti, per la considerevole distanza degli utenti delle due frazioni dalle scuole con i relativi tempi di percorrenza;
- l’aumento della retta non risolverebbe il problema, tenuto conto del basso tasso di copertura e del fatto che l’aumento determinerebbe disiscrizioni di utenti;
- l’aumento degli iscritti comporterebbe maggiori costi e non riduzioni di spesa, come si può notare nella tabella per l’a.s. 2018/’19 e 2019/’20 con 67 e 63 iscritti.

Oltre al trasporto, l’amministrazione è stata chiamata a riflettere su altri servizi scolastici che hanno avuto incrementi di spesa.
Invero, a causa del covid-‘19 l’anno scorso e quest’anno sono notevolmente aumentati i costi della mensa scolastica; si sono registrati circa € 150.000 di maggiori costi per sanificazioni, personale, trasporto dei pasti, bottigliette di plastica ecc e, per ora, siamo riusciti a reperire le risorse senza aumentare la tariffa.
Di fatto, si sarebbe potuto mantenere lo scuolabus a 32 utenti aumentando la retta della mensa a 1039 bambini; anche questa sarebbe stata una strada percorribile.
Sono poi aumentati i costi dell’assistenza educativa scolastica riservata a ragazzi con disabilità o gravi difficoltà: si è passati da 65 alunni assistiti nel 2016 agli attuali 117. Anche in questo caso si sono reperite le relative risorse nel bilancio comunale: lo stesso dicasi per i maggiori costi del servizio ingresso anticipato.
Per questi motivi si è stati costretti a prendere una decisione, sofferta ma ponderata.
I soldi del servizio scuolabus non verranno impiegati per fare feste, concerti o eventi ma reimpiegati nella scuola per non aumentare, nei limiti del possibile, le tariffe di servizi maggiormente richiesti e/o utilizzati dalle famiglie.
Come anticipato in Consiglio Comunale non mi sottrarrò al confronto e incontrerò le famiglie interessate, appena possibile, per condividere possibili alternative, già allo studio degli uffici.
Non pretendo di convincere nessuno, spero solo di aver chiarito i dubbi: nessuno ha avuto piacere a prendere questa decisione ma è chiaro che è stata presa per determinati motivi.
Preciso di aver sentito il sindaco e il dirigente del settore scuola del Comune di Bagnatica, ancor prima che mi fosse consigliato; orbene, a parità di costo (€ 45.000 annui per ciascuna linea), il pulmino di Bagnatica raccoglie a Cassinone 33 alunni, mentre quello di Seriate solo 13. Presumo che, a parti invertite, il Comune limitrofo avrebbe fatto le mie stesse riflessioni.  
Non è vero infine, come scrive qualcuno, che Cassinone è “sempre” sacrificato; comprendo il disagio di 13 famiglie (o forse meno) della frazione ma ricordo che nel 2019 il quartiere ha ricevuto un nuovo campo da calcio sintetico. Nel 2020 è stata asfaltata la strada principale e rifatta la segnaletica. Quest’anno verrà rifatta l’illuminazione a led e sono appena finiti i lavori di potatura dell’area boschiva di fronte alla chiesa parrocchiale.
Invito pertanto tutti a una riflessione più oggettiva e serena che tenga conto che il Comune di Seriate con il suo piano di diritto allo studio offre, ogni anno, alle famiglie, agli studenti e alle scuole, pubbliche e paritarie, del territorio numerosi servizi utilizzati e apprezzati.
Un caro saluto.
Il Sindaco
Avv. Cristian Vezzoli

Seriate, 17 marzo 2021

Potete consultare tutti i comunicati stampa del Sindaco cliccando qui

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (1036 valutazioni)